Domenica 12 settembre 2021 Chiesa san Michele

Per la Comunità l’evento della consacrazione della chiesa vuol dire che decidiamo di dedicare uno spazio importante alla preghiera. 

La nostra chiesa è il luogo più bello, più curato, con una grande storia anche artistica. Dedicare uno spazio perché la Comunità possa riunirsi per pregare vuol dire innanzitutto riconoscere l’importanza della preghiera per la vita di ciascuno di noi. È luogo dedicato alla relazione con Dio: in un contesto sociale in cui ci si dimentica facilmente di Dio, questo è un segno forte per poterlo riscoprire. 

Qualcuno potrebbe esclamare: “Ma nel 2021 c’è ancora chi crede in Dio?” “Ma a cosa serve pregare? Se ho una malattia vado dal medico, se ho una necessità economica vado a lavorare, se devo crescere i figli penso alla scuola, allo sport, alla loro salute…. A cosa serve pregare?” 

La preghiera cambia il cuore delle persone, mette il cuore dell’uomo in sintonia con il cuore di Dio. “Il cuore dell’uomo sarà pure in sintonia con il cuore di Dio, ma per mangiare devo andare a lavorare, per curarmi devo andare dal medico, per difendermi vado dall’avvocato…. 

A cosa serve avere il cuore in sintonia con il cuore di Dio?” Il cuore dell’uomo in sintonia con il cuore di Dio significa che faccio mio il desiderio di Dio di entrare in comunione con ogni uomo e ogni donna. Dio desidera attirare al suo amore ciascuno di noi. Avere il cuore in sintonia con Lui vuol dire amare con il suo stesso cuore generoso: “Dio ha tanto amato il mondo da dare il suo Figlio unigenito.”

Possiamo quindi concludere che dedicare oggi una chiesa a Dio vuol dire generare uomini e donne che scelgono sempre di più nella loro vita di lasciarsi attirare dal Signore Gesù (“quando sarò elevato da terra attirerò tutti a me”) e amare con lo stesso cuore di Dio: la casa di Dio genera una comunità accogliente per tutti.


 
Esci Home