In meno di due giorni l’operazione taglio si è conclusa.

È stato un tempo lungo quello necessario per avere dall’Ente “Parco delle Groane” il nullaosta al taglio di 7 pini Strobus posizionati nel prato antistante la chiesetta di Sant’Agata. Finalmente il responsabile del Parco, nella sua visita in loco, ha potuto verificare lo stato di sofferenza delle piante e ha rilasciato il benestare per il taglio.

Si sono subito attivati i Ranzitt sotto la guida dell’impresa agricola Marelli Alberto: in meno di due giorni l’operazione taglio si è conclusa. L’Ente Parco ha richiesto la messa a dimora di sei nuove piante autoctone a scelta della parrocchia (betulle, carpani o tigli): questo verrà fatto in primavera. Verrà posizionata anche una siepe al confine con il fabbricato del “Mercatone dell’usato”, che aveva insistito nel richiedere il taglio delle piante per il danno causato dalla continua perdita di aghi dai pini.

Un ringraziamento ai gloriosi e sempre presenti Ranzitt e un grazie riconoscente all’impresa agricola Marelli Alberto che ha offerto gratuitamente il lavoro fatto con tutto il prezioso supporto tecnologico.
Spaziatore
Spaziatore
Ingrandisci
Spaziatore
Spaziatore
Spaziatore
Spaziatore
Ingrandisci
Spaziatore
Spaziatore
Spaziatore
Spaziatore
Ingrandisci
Spaziatore
Spaziatore
Spaziatore
Spaziatore
Ingrandisci
Spaziatore
Spaziatore
Spaziatore

 
Esci Home