Quaresima

La Quaresima è uno dei cosiddetti “tempi forti” dell’anno liturgico, un tempo cioè in cui riceviamo una grazia speciale, soprattutto attraverso la liturgia, per convertirci davvero, per accogliere e vivere la salvezza che Dio ci dona.

Non accontentiamoci più di una vita mediocre, lasciamoci trasformare dalla grazia di Dio. Ma come possiamo fare? Ce lo ricorda ancora il Papa, ricordandoci “i santi mezzi che la Chiesa ci offre: il digiuno, la preghiera e l’elemosina”. Senza dimenticare che “alla base di tutto c’è la parola di Dio, che in questo tempo siamo invitati ad ascoltare e meditare con maggiore assiduità”.

Dedichiamo, allora, un momento della giornata a leggere e meditare la parola di Dio. Basta anche solo prendere in mano il Vangelo del giorno per cinque minuti, la sera prima di addormentarsi o la mattina prima del lavoro. Chi può partecipi anche qualche volta in più alla Messa quotidiana. Circa la preghiera, si potrebbe prendere l’impegno di recitare una parte del rosario, magari mentre si è in auto in mezzo al traffico. Senza trascurare il digiuno e l’elemosina, che si possono adattare alla nostra vita, ad esempio rinunciando alle sigarette, alla tv, al cellulare e tanti altri divertimenti. Elemosina può essere tradotta nel dedicare del tempo per visitare un ammalato o un anziano.

Lo Spirito Santo ci guidi a compiere un vero cammino di conversione, per riscoprire il dono della parola di Dio, essere purificati dal peccato che ci acceca e servire Cristo presente nei fratelli bisognosi.

 
Esci Home